martedì 10 giugno 2014

La concordanza dei tempi dell'indicativo

 

 Il verbo della principale è all'indicativo presente.

  • La dipendente esprime posteriorità, cioè l'azione della dipendente avviene dopo l'azione della principale : si usa l'indicativo presente o futuro.
- Sono certo che domani vado/andrò al mare.
  • La dipendente esprime contemporaneità, cioè le due azioni avvengono nello stesso momento: si usa l'indicativo presente.
- So che Lucia studia/sta studiando pianoforte.
  • La dipendente esprime anteriorità, cioè l'azione della dipendente è avvenuta prima: si usa l'indicativo passato prossimo/remoto, imperfetto.
- Ti dico che ieri Gloria si è laureata. Non mi credi?




Il verbo della principale è all'indicativo passato prossimo/remoto, imperfetto o trapassato prossimo.

  • La dipendente esprime posteriorità, cioè l'azione della dipendente avviene dopo l'azione della principale: si usa il condizionale composto.
- Nell'aprile del 1989 ero sicuro che avrei iniziato a lavorare in una scuola di montagna in novembre.
  • La dipendente esprime contemporaneità, cioè le due azioni avvengono nello stesso momento: si usa l'indicativo passato prossimo/remoto, imperfetto o trapassato prossimo.
- Anni fa mia madre mi diceva spesso che mio padre ballava molto bene.
  • La dipendente esprime anteriorità, cioè l'azione della dipendente è avvenuta prima: si usa l'indicativo trapassato.
- Quando arrivò era quasi mezzanotte e sapevo che aveva già cenato.
 





Ti può interessare: La concordanza dei tempi del congiuntivo

0 commenti:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Impariamo italiano!